Il mercante di Venezia: tragedia o commedia

Il Mercante di Venezia è uno dei drammi più famosi del grande Shakespeare. Tuttavia, mentre la maggior parte delle sue opere può essere facilmente classificata come tragedia o commedia, questa non rientra in una singola categoria. Il motivo è che mentre ci sono eventi ed elementi comici nel dramma, ce ne sono anche di tragici che a volte raggiungono un livello assolutamente orribile. Al centro del dramma ci sono tre cose, vediamole in questo articolo da aggiungere alla tua lunga lista di recensioni libri che hai letto.

La prima è l'amicizia tra Antonio e Bassanio, la seconda è la storia d'amore tra Bassanio e Portia e la terza ma la più importante è il legame tra Antonio e Shylock. Shylock è un usuraio avido e un cattivo complicato. Mostra tratti caratteriali contrastanti ed è per questo che in alcuni punti, mentre appare un uomo cattivo, in altri è chiaramente un uomo d'affari che si diverte con i suoi discorsi e le sue citazioni.

La storia d'amore tra Bassanio e Portia sono le parti comiche del dramma e il legame tra Antonio e Shylock la parte tragica. Bassanio è un povero nobile che ama Portia e ha bisogno di soldi per vederla. Tuttavia, non ha abbastanza soldi e le navi di Antonio sono in mare. Per questo motivo Antonio è costretto a chiedere assistenza finanziaria a Shylock che presta a condizione che se Antonio fallisce dovrà rinunciare a una libbra di carne da qualsiasi luogo Shylock voglia. Il legame mortale viene stretto e dà origine a una serie di eventi tragici. Mentre Bassanio è andato a trovare Portia, le navi di Antonio vengono colpite da una tempesta e non tornano più indietro.

Il mercante di Venezia a questo punto racconta di Antonio che…

Non è in grado di ripagare il crudele ebreo e quindi è costretto a rispettare il vincolo come vuole il crudele Shylock. Antonio scrive a Bassanio e se ha dimenticato l'amico. Scrive che non ha pagato l'ebreo e perderà una libbra di carne come da contratto. Il motivo per cui Shylock è deciso ad uccidere Antonio è perché in passato ha offeso l'ebreo definendolo una persona avara e avida.

Gli ebrei non furono trattati con rispetto a Venezia e questo fece sì che Shylock colpisse questo piano di vendetta. Antonio, che era un orgoglioso uomo d'affari, è costretto a piegarsi davanti alla volontà di Shylock. La situazione è tragica non solo per Antonio e Bassanio ma anche per Portia. Antonio non è stato in grado di pagare il prestito e dovrà lasciare all'ebreo la parte che gli spetta per contratto. Bassanio è infelice perché crede di essere la causa di tutto questo.

Tuttavia, la tragedia raggiunge un punto e poi accadono cose comiche nel dramma. Portia è una giovane donna spiritosa che trova un modo per sconfiggere Shylock. Il contratto afferma che può avere una libbra di carne ma non una pinta di sangue dal corpo di Antonio. Shylock perde la causa in tribunale e viene punito per aver complottato contro un cristiano innocente. Perde tutte le sue ricchezze e proprietà a sua figlia e Antonio. Anche sua figlia lo lascia per sposare un cristiano. Alla fine tutti, tranne Shylock, si sentono felici. Shylock è lasciato in una situazione difficile a causa del suo piano malvagio per vendicarsi di Antonio. Il suo piano malvagio non si traduce altro che in insulti e miseria per l'ebreo.

Shakespeare ha bilanciato la commedia con la tragedia nel dramma

Il grande Shakespeare ha usato entrambi gli elementi per rendere “Il mercante di Venezia” interessante e piacevole nel tempo. Il cuore astuto dell'ebreo, l'innocenza di Antonio, l'amore e il romanticismo di Portia rendono il dramma coinvolgente e interessante. Quindi, classificarlo come una tragedia o una commedia sarebbe sbagliato.

L'arte di Shakespeare ha tuttavia creato un grande equilibrio tra i due che hanno avuto molto apprezzamento fin dal momento in cui è stato scritto. Anche nel personaggio di Shylock si possono trovare entrambi gli elementi e mentre il suo atteggiamento nei confronti del povero uomo d'affari cristiano è orribile, in diversi punti è piuttosto esilarante con il suo stile e le sue parole divertenti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi